Animation Italy
La macchina dei sogni di Satoshi Kon
La macchina dei sogni di Satoshi Kon
Uno dei più acclamati e singolari autori di prodotti d'animazione giapponesi è certamente Satoshi Kon. Il suo stile è sempre in continua evoluzione mentre le storie che sceglie di portare sullo schermo sono uniche per molti aspetti; progetti che difficilmente altri suoi colleghi saprebbero rappresentare a sufficienza. Ecco la presentazione del suo prossimo titolo..
Per chi non conosce il suo nome, diciamo subito che i suoi principali lavori (da autore e regista) sono Perfect Blue (1997) [recensione], Millennium Actress (2001) [recensione], Tokyo Godfathers (2003) [recensione] e l'ultimo Paprika (2006) [recensione].

Si intitola The Dreaming Machine (originale Yume-miru kikai), e l'uscita in Giappone è prevista per il prossimo anno.

Presentato allo scorso Tokyo International Anime Fair, il regista lo preannuncia come una sceneggiatura originale di sicuro interesse, che si concretizzerà nei prossimi due anni, due anni e mezzo. Non sarà come Paprika e non avrà un target adulto, ma sarà una storia per divertire i bambini, ambientata nel futuro. In un anime spesso creiamo un futuro prossimo, che possiamo immaginare, ma questo film è sul futuro del futuro, una storia di miti del futuro. La lettura della storia cambierà in base alla prospettiva dello spettatore e un ragazzo avrà un film d’avventura, mentre un adulto troverà altri significati.

Per le animazioni, come sempre la qualità è garantita dallo studio Madhouse, mentre non si conoscono i nomi dei distributori mondiali dell'opera (Sony?!).

Il sito ufficiale da poco inaugurato con i primi screenshot e artwork è: yume-robo.com

Ecco alcuni screenshot:







Tutti gli altri li trovate a questa news.



[ Fra - fonte AnimeClick ]
Notizie correlate...
SOCIAL
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net