DEVILMAN CRYBABY
(2018)
(serie d'animazione)

Regia generale di: Masaaki Yuasa
Creato da: Go Nagai
Soggetto di: Ichiro Okouchi, Megan Buchholz, Valerio Polloni

Produttori: Ichinao Nagai, Yohei Shintaku, Kazuomi Nagai
Produzione: Science SARU, Netflix
Animazioni: Science SARU
Edizione Italiana: Netflix
Episodi: 1 stagione - 10 episodi da 25'

USCITA ITALIANA: 5 GENNAIO 2018

Il mitico uomo-demone di Go Nagai torna con una serie originale che omaggia senza censure il personaggio nato negli anni'70 e lo porta ai giorni nostri con tutto ciò che ne consegue.

Protagonista della serie è Akira Fudo che, dopo esser stato informato dal suo amico Ryo Asuka di un imminente invasione di demoni sulla terra, viene con inganno convocato da quest'ultimo e fatto unire ad un demone, così da poterne acquisire i poteri e poter combattere l'orda. Il Devilman che ne risulta è molto potente ma il suo animo è comunque rimasto umano, fattore che influenzerà sia la vita di tutti i giorni di Akira, a contatto con amici e parenti, ma anche il suo nuovo ruolo di giustiziere a difensore del genere umano.

La lunga e complessa opera del maestro Go Nagai, ricolma di riferimenti dalla Bibbia alla Divina Commedia passando per le antiche leggende Giapponesi, arriva in versione seriale grazie a Netflix e allo studio d'animazione Giapponese Science SARU, e finalmente destinata ad un pubblico adulto, rispetto alla serie prodotta quasi mezzo secolo fa. Una storia lunga solo dieci episodi che cerca di riassume tutto l'arco narrativo dell'originale, attualizzando nel contempo l'ambientazione e ponendo pochi cambiamenti non significativi (come Miki, l'amica del protagonista, qui un atleta).

Il progetto riesce ad essere convincente su molti aspetti, dalla durata totale allo stile visivo imposto, generalmente semplice e dal tratto più frenetico usato per le scene d'azione, alle tonalità di colori sempre sopra le righe. I personaggi principali sono in un numero molto esiguo e vengono esplorati per bene lungo tutti gli episodi. Sono però state fatte delle scelte importanti che tralasciano alcuni personaggi secondari o aspetti della storia originale, cosa di cui potranno lamentarsi comunque i soli fans più accaniti del titolo.

La serie propone anche omaggi alla serie originale, dalle sigle ai poster che è possibile notare nelle camere dei protagonisti. Dai sentimenti più nobili alle malinconie dei personaggi (come lo stesso titolo suggerisce), fino ai loro pruriti sessuali, il mix creato riesce a dar lustro al personaggio di papà Nagai, compresa l'idea di ambientare la storia ai giorni nostri. Piccoli punti negativi possono ritrovarsi in alcuni momenti in cui la storia si impantana in inutili excursus e un tratto visivo che avrebbe giovato di una maggiore cura dei dettagli.






SOCIAL
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net