TEAM AMERICA - WORLD POLICE
(Team America - World Police - 2004)
(lungometraggio d'animazione)

Regia di: Trey Parker
Sceneggiatura di: Trey Parker, Matt Stone e Pam Brady

Prodotto da: Pam Brady, Trey Parker e Matt Stone
Produzione: Paramount Pictures, Scott Rudin Prod. e MMDP Munich Movie Dev. & Production GmbH & Co.

EDIZIONE ITALIANA: UIP

USCITA ITALIANA: 13 MAGGIO 2005

Dopo averne apprezzato (chi più, chi meno) le gesta in TV del provocatorio "South Park", la serie tv animata che non ha peli sulla lingua si qualsiasi argomento; dopo aver portato gli stessi personaggi anche al cinema con il lungometraggio "South Park: Bigger Longer & Uncut" (1999), la coppia Trey Parker e Matt Stone torna con una nuova idea, nuovi personaggi e una visione più "tridimensionale", grazie all'utilizzo di marionette controllate in tempo reale, come nella più classica tradizione dei pupazzi.

Il "Team America" è un corpo di polizia internazionale con base in America, e più precisamente all'interno del monte Rushmore, il celebre monte in cui sono incisi i volti di quattro presidenti americani. Il gruppo ha il compito di mantenere la stabilità globale e combattere il terrorismo. La storia inizia proprio con la lotta ad una cellula terroristica di stampo medio-orientale che impegna il team nel centro di Parigi. Ma proprio in questi scontri viene colpito uno dei membri. A questo punto il capo dell'organizzazione si troverà a rimpiazzare quest'ultimo con un attore/cantante idolatrato dal pubblico che, dopo un attimo di indecisione, entrerà ufficialmente come nuovo membro, amato o meno, dal resto del team. La la vita da spia/supereroe non è così emozionante come sembra.

Parker e Stone si impegnano a scrivere una storia che punti il dito sempre all'interno di casa propria, dei problemi dell'America di oggi, proprio come la nota serie animata che li ha resi famosi. Questa volta il tema principale è proprio quel terrore che dal fatidico 11 Settembre è entrato nella mente di ogni persona. La parodia nasce spontanea dunque e il duo creatore di South Park ci va a nozze. Ecco così battute rivolte al mondo della politica, ma anche di hollywood, con la presenza (sempre sotto forma di marionette) di molti attori noti, e, certamente, del mondo militare. Battute, gags e molto altro senza alcuna limitazione o censura su dialoghi e perfino gesta; una commedia velenosa con il compito di far sorridere ma anche riflettere.

La parte visiva è quella che sorprende maggiormente. Il duo ha il colpo di genio di far recitare l'intera pellicola a pupazzi alti mezzo metro (circa), più precisamente marionette, vista la tecnica utilizzata per animarli. Ecco dunque la presenza di dettagliati set in miniatura ma in realtà di dimensioni enormi, e una grande quantità di marionette, alcune riproducenti anche attori e attrici come Helen Hunt, Alec Baldwin, Sean Penn, Tim Robbins, Liv Tyler, Michael Moore, Susan Sarandon e molti altri. Le animazioni non sono a passo-uno (stop-motion) ma proprio dal vivo, ovvero facendo recitare i pupazzi mossi in tempo reale da personale (burattinai) posto su delle impalcature qualche metro sopra la scena.

I primi punti negativi comunque si rifanno proprio a queste tecniche di animazione. Questo perchè non è possibile realizzare delle camminate realistiche o altri particolari movimenti con delle marionette. Cosa questa che potrebbe far storcere qualche naso difronte al valore globale dell'opera, ma su cui si passa sopra velocemente. Il lungometraggio è un vero colpo contro le tendenze (e le menti) politiche degli ultimi anni negli States, ma le battute sono chiare anche per gli spettatori non americani. Certo è bene sottolineare che molte di queste, come alcune scene, potrebbero non piacere
o urtare qualcuno per il linguaggio utilizzato. Mentre alte, come le scene di sesso tra due marionette, sono certamente geniali e, penso, uniche al mondo.

Piccola chicca: tutte le voci dei personaggi in scena, attori hollywoodiani compresi, sono state realizzate da una decina di doppiatori appena: Trey Parker ha doppiato Moore, Robbins, Damon e persino la Hunt e la Sarandon tra i tanti; Matt Stone invece Clooney, Glover, Hawke e molti altri. Il lungometraggio è costato 30 milioni di dollari per la sua realizzazione. Le recensioni e le critiche sono state abbastanza positive, ma il pubblico non ha pienamente premiato la pellicola ai botteghini; l'incasso complessivo nella sola patria è stato appena superiore al budget. La pellicola arriva in Italia sotto l'etichetta UIP a Maggio 2005, sette mesi dopo l'uscita negli States.




SOCIAL
NOTIZIE CORRELATE
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net