VAN HELSING - London Assignment
(Van Helsing - London Assignment - 2004)
(cortometraggio d'animazione)

Regia di: Sharon Bridgeman
Sceneggiatura di: Garfield Reeves-Stevens e Judith Reeves-Stevens

Produttori: Bob Ducsay, John Kafka e Stephen Sommers
Produzione: Universal Home Video Inc. e Universal Pictures
Realizzazione: Universal Cartoon Studios

Edizione Italiana: Universal Pictures

I progetti del regista Stephen Sommers per la sua creatura "Van Helsing" non erano concentrati soltanto sul blockbuster che ha ben incassato ovunque sia stato proiettato, ma, viste le esigenze della storia, nella sua mente era già previsto un piccolo prequel portato a dare più luce alla vita e alle gesta del primo "cattivo" incontrato da Gabriel nel film, ovvero del mitico Dr. Jekyll (e del suo alterego Mr. Hyde). Così nasce "The London Assignment", un mediometraggio della durata di poco più di 30 minuti diretto da Sharon Bridgman (ex art director della serie "Spawn" (1997), qui alla sua prima regia).

La storia inizia nei vicoli bui di una Londra del 19° secolo. Qui la polizia ha un difficile caso per le mani: un assassino che di notte uccide giovani ragazze in maniera bruta, lasciandole sfigurate. Così, direttamente dai piani più inaccessibili del vaticano, a Roma, viene incaricato il fedele Gabriel Van Helsing a risolvere il mistero e "riconvertire" il cattivo di turno. Ma il caso è più intricato del solito e arriva fino ai piani alti di Buckingam Palace. Ecco così mettersi in moto l'impavido Van Helsing con il suo fido aiutante stracarico delle sue più strane invenzioni in fatto di armi e di tanta acqua santa.

Certamente il lato "pubblicitario" centra molto con la realizzazione di questo mediometraggio. Ma al di là di queste prime considerazioni non si tratta affatto di una produzione realizzata alla leggera. "The London Assignment" è un piccolo concentrato di ottime animazioni bidimesionali e tridimensionali ben inserite in tutto il mediometraggio. Anche se alla regia troviamo una "prima esperienza" la Bridgeman sembra sapere il fatto suo. Bene si integrano le scene di azione e le inquadrature presenti in tutta la pellicola. E il tutto viene alternato alle scene, principalmente in notturna, di calma (apparente) e riflessione ad intervallarsi alle scene più movimentate. Di sicuro la Bridgeman ha tanto studiato il "modo di vedere" le scene da dietro la macchina da presa di Sommers.

Il reparto tecnico invece vede impiegati ottimi disegnatori ed animatori che hanno ben "coperto" il reparto visivo. Tutti i personaggi sono animati utilizzando le classiche tecniche di "disegno a mano", come i fondali del resto, che bene illustrano la Londra del 19° secolo. Ma alcuni fondali sono anche riprodotti e modellati in 3D per poter consentire alla "camera virtuale" di viaggiarcisi all'interno. Ma la produzione ha fatto ampio uso di modelli tridimensionali, tutti integrati con una semplice precauzione: le texture utilizzate per la copertura dei modelli sono state realizzate a mano con le stesse tecniche e gli stessi colori utilizzati per i fondali e gli oggetti animati. Questo ha reso possibile una maggiore "compatibilità" con il resto delle animazioni creando un buon mix di 2D e 3D che non sfigura sullo schermo. Sono principalmente le scene d'azione ad utilizzare questo mix e il risultato è molto soddisfacente.

Il reparto musicale ben contribuisce al prodotto; pochi temi, vista la durata complessiva del mediometraggio, ma ben fatti, seguono le scene, sia quelle d'azione che quelle un po più calme. Per il doppiaggio, nella versione di "casa" è stato scelto l'interprete del personaggio principale del film di Sommers, ovvero l'attore Hugh Jackman, altra ottima scelta da parte dei produttori, oltre che buona pedina pubblicitaria. Per l'edizione italiana la Universal ha mantenuto lo stesso doppiatore della pellicola madre, cosa che giova al carattere del personaggio. Certo, come per il reparto musicale, anche il copione non vede la presenza di numerose battute. Sono presenti in numero sufficiente a supporto delle scene d'azione, vero fulcro della storia, ma sempre ben allineate al carattere schivo e riservato del personaggio principale: Gabriel Van Helsing.

Certamente per un prodotto del genere, un mediometraggio con un buon budget (visto lo studios), il risultato è più che soddisfacente. Gli amanti del genere, sia legato al film che al mondo dell'animazione, non rimarranno delusi. E' facile avvicinare questo prodotto a simili come "The Chronicles of Riddick: Dark Fury" (2004) e il più conosciuto "Animatrix" (2003), visto che l'idea che ha portato alla loro nascita ha le stesse radici. Comunque "The London Assignment" è un buon prodotto, fine alla storia concepita da Sommers, che ad alcuni sembrerà un po breve, ma un buon inizio che, insieme ai titoli prima citati, fanno ben sperare per altre produzioni simili sempre provenienti da storie "occidentali", cultura e leggende a noi più vicine, cosa quasi sempre di origine orientale, veri maestri in questo settore.

La pellicola è uscita in patria l'11 maggio 2004, mentre è arrivata nel bel paese il 27 novembre 2005 sempre sotto le ali della Universal Pictures. Ottima la scelta (la stessa dei titoli prima citati) dell'utilizzo del formato video cinematografico 16:9, mentre l'audio è codificato in Dolby Digital 5.1. Per gli extra nel DVD troviamo making of, interviste, making del videogame e altro.





SOCIAL
NOTIZIE CORRELATE
Batman: trailer e sito ufficiale
Batman made in Japan
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net