Animation Italy
The Mourning Children - il ritorno del regista Sunao Katabuchi
18 Settembre 2023

The Mourning Children - il ritorno del regista Sunao Katabuchi

Leggi...
Il nuovo anime del regista e autore giapponese Sunao Katabuchi si intitola The Mourning Children: Nagiko and the Girls Wearing Tsurubami Black. A seguire il primo teaser.
Il regista di Black Lagoon e Mai Mai Miracle č pronto a tornare con un suo personale progetto a cui lavora dal 2017, di cui cura la storia, la sceneggiatura e la regia.

Il film č ambientato a Kyoto durante il periodo Heian (X secolo) in Giappone. Decine di migliaia di morti, fogne piene di cadaveri, bambini abbandonati sulle montagne e gruppi di cani selvatici che vigilano fuori cittā.
L'immagine elegante del periodo Heian č stata mostrata in molte opere letterarie e artistiche. Tuttavia, il nuovo lavoro di Katabuchi ci riporta a Kyoto, mille anni fa, quando la cittā era avvolta nell'oscuritā a causa delle ripetute epidemie di peste.

Tra lo staff segnaliamo l'assistente alla regia Chie Uratani (Princess Arete), il capo animatore Masashi Ando (The Deer King, Princess Mononoke), il direttore artistico Yuji Kaneko (Little Witch Academia, Kill la Kill) e il compositore Akira Senju (Fullmetal Alchemist: Brotherhood, Mobile Suit Victory Gundam).

A produrre l'anime č lo studios con sede a Tokyo Contrail, fondato dallo stesso Katabuchi nel 2019, insieme a MAPPA.

The Mourning Children: Nagiko and the Girls Wearing Tsurubami Black (titolo originale Tsurubami-Iro no Nagiko-tachi) č stato presentato lo scorso sabato al Kyoto International Manga and Anime Fair.

Ecco il lungo teaser:





[ Fra - fonte Catsuka/ANN ]
ALTRE NOTIZIE
CONDIVIDI
EVENTO DEL GIORNO
Premi Cčsar

(Tutti gli eventi..)
ADV
EXTRA
Regole sulla
licenza dei testi

Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Mastodon - Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2024 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net