FINAL FANTASY VII: ADVENT CHILDREN
(Final Fantasy VII: Advent Children - 2004)
(lungometraggio d'animazione)

Regia di: Tetsuya Nomura, Takeshi Nozue
Sceneggiatura di: Kazushige Nojima

Produttori: Yoshinori Kitase
Produzione: Square Enix Co ltd., Square USA
Realizzazione: Square-Enix, Visual Works
Distribuzione: Sony Picture

USCITA ITALIANA: 23 MAGGIO 2006 - Solo sottotitoli in Italiano

Dopo il grande successo del videogame Final Fantasy VII (edito allora dalla sola Square soft nel 1997) arriva per i fans della saga della doppia F di tutto il mondo, un lungometraggio interamente 3D che riprende storia e personaggi appartenenti alle atmosfere del settimo capitolo. Abbandonati gli studi di Honolulu si riparte proprio dalla capitale nipponica e dal mondo in cui la Square vanta decine di milioni di titoli venduti, ovvero quello dei videogames, mentre per la distribuzione si punta direttamente ai supporti digitali.

Il nuovo lungometraggio animato piazza la storia due anni dopo le vicende che hanno visto Cloud e i suoi amici combattere contro la perfidia di Sephiroth. Sulla terra, ambientata in un futuro prossimo, è ritornata la pace e gli abitanti hanno ricominciato la propria vita in quelle città ormai rimaste sfollate. I nostri eroi (Cloud in testa a tutti) saranno richiamati all'azione quando uno strano morbo comincerà ad infettare tutti gli abitanti, bambini in primis. Le cose si complicheranno quando faranno la comparsa in città tre strani individui alla ricerca della "madre", quell'alieno Jenova che ha portato morte e caos sulla terra. Cloud e tutta la banda si ritroveranno uniti a combattere esseri terrificanti e fanatici alla ricerca di quell'unione che risveglierà un nemico tante temuto.
Certamente le atmosfere ricalcheranno quelle cupe e misteriose già intraviste nei video games, classiche caratteristiche della filosofia giapponese. Dunque personaggi più tetri e introversi con abbigliamenti rivisti rispetto al gioco e scenari apocalittici opposti a atmosfere estremamente eteree.

Per la realizzazione la Square-Enix si è avvalsa dell'esperienza delle realizzazioni di "Final Fantasy - The Spirits Within" (2001), lungometraggio tecnicamente spettacolare (già ai suoi tempi) e con una storia scritta totalmente da zero, lontana dalla saga di Final Fantasy, e che ha saputo appassionare pochi estimatori, ma lungometraggio che ha anche portato la Square quasi sull'orlo del fallimento visto il flop al botteghino. Ma l'idea e il lavoro viene direttamente dal reparto della Square incaricato di produrre le sequenze di intermezzo dei videogames, con l'importante aiuto della Visual Works, già collaboratrice della Square per alcune sequenze animate. Lo sviluppo delle tecnologie per animare i modelli 3D hanno portato l'animazione nipponica digitale all'uso smodato per il motion-capture. Molte pellicole hanno evoluto queste tecniche e anche alcuni studios americani l'hanno fatto, l'esempio è il film di Robert Zemeckis "The Polar Express" (Sony Imageworks), interamente realizzato in un motion-capure estremamente evoluto. La Square, avendo largamente adottato queste tecniche non poteva che servirsene anche per la realizzazione di questo lungometraggio. Ma i registi hanno spiegato che il motion-capture è stato utilizzato solo in via marginale, mentre tutte le rifiniture e, soprattutto, le espressioni facciali, sono state realizzate mediante animationi in keyframe.

Molta cura è stata posta nell'attualizzazione dei personaggi, a cominciare dai vestiti fino ad arrivare alle armi. Ma la caratterizzazione degli stessi è stata una delle scelte fondamentali dell'intera produzione. Il primo lungometraggio realizzato nel 2001 puntava decisamente ad una realizzazione fotorealistica dei personaggi. Ma Advent Children è stato concepito piazzando i disegni e i modelli dei personaggi a metà tra fotorealismo e il classico stile manga, scelta molto azzeccata visto il risultato. Ma la Square guarda lontano cercando di avvicinarsi il più possibile agli appassionati ed evitare spese superflue. Infatti il lungometraggio è stato realizzato con un budget contenuto e puntanto direttamente alla distribuzione home, anche se verranno effettuate limitate distribuzioni per il grande schermo.

Molti dei modelli sono stati realizzati in Maya mentre il motore di render più sfuttato è stato il noto MentalRay, per gli ottimi risultati di fotorealismo, profondità colore e l'eccezionale e complessa gestione dell'illuminazione che riesce a sviluppare.
Il reparto degli effetti speciali ha dato il meglio di se con la gestione di fluidi (molto ben fatti), fumo e numerosi altri effetti. Anche il reparto dell'illuminazione ha dato il meglio di se ricreanto atmosfere eteree. Una buona regia e un montaggio frenetico, principalmente per le scene d'azione, hanno dato il "la" al progetto. Chiude il reparto sonoro che si è occupato di sistemare delle belle melodie con pianoforte e violini alternati a chitarre metal, secondo le scene, veramente per un pubblico di appassionati.
In definitiva "Advent Children" è un lungometraggio ben realizzato ma adatto principalmente agli estimatori della saga videoludica. Il taglio è simile alle numerose scene animate d'intermezzo presenti nei videogames targati doppia F. Le scene d'azione sono il fiore all'occhiello del lungometraggio e sapranno appassionare non pochi estimatori. Pessima la scelta di non doppiare il lungometraggio per i fans italiani.

Questo lungometraggio è stato proiettato alla Mostra del Cinema di Venezia (2004) in versione ridotta di 25' (il definitivo avrà durata di 100' circa). Riproiettato sempre nel festival della laguna dell'edizione 2005 nella sua lunghezza integrale. Uscito in Giappone a Settembre 2005 il lungometraggio ha venduto oltre 200.000 copie nei primi giorni. A cavallo tra 2005-2006 arriva in America ed Europa. Una versione speciale verrà anche distribuita per la nuova console di casa Sony: la PSP. Proprio la Sony Pictures Italia ha portato questo lungometraggio nel nostro paese in DVD dal 23 Maggio 2006 in doppia edizione: disco singolo e doppio con numerosi extra, ma optanto solo per i sottotitoli e scartando il doppiaggio nella nostra lingua.



SOCIAL
NOTIZIE CORRELATE
Final Fantasy - il trailer italiano di Kingsglaive
In arrivo un nuovo film animato di Final Fantasy
Square-Enix in testa negli States
Sony opta per i sottotitoli
Advent Children è un successo in patria
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net