THE WONDERLAND
(Basude Wandarando - 2019)
(lungometraggio d'animazione)

Regia di: Keiichi Hara
Storia originale di: Sachiko Kashiwaba
Sceneggiatura di: Miho Maruo

Prodotto da: Fuminori Honda, Yoshinori Takeeda, Yoshiyuki Chonan
Produzione: Aniplex, Dentsu Inc., Fuji Television Network, Signal.MD, Warner Bros. Japan
Animazioni: Signal.MD
Edizione Italiana: Dynit

USCITA ITALIANA: 26 FEBBRAIO 2020

Dal romanzo intitolato "Lo strano viaggio attraverso la cantina" gli studios Signal.MD tirano fuori dal cappello un lungometraggio fantasy dai colori sgargianti che ci trasporta in un mondo alternativo affascinante quanto imperfetto.

La storia ruota intorno ad Akane, una ragazzina con pochissima fiducia di se stessa che il giorno del suo compleanno viene mandata dalla madre presso il negozio di antiquariato di un amica di famiglia in cui andare a ritirare il suo regalo. Qui Akane riceverà la visita di un misterioso alchimista che la inviterà nel suo mondo dove dovranno unire le forze per salvarlo da una catastrofe imminente. A seguirli nel viaggio ci sarà anche l'entusiasta e chiacchierona antiquaria Chii e il piccolo Pipo, aiutante dell'alchimista. Il mondo che scopriranno è ricco di magia, colori e una vita semplice, ma con delle figure pericolose pronte a distruggere quanto di buono esiste.

Una scrittura interessante anche se un po' frettolosa ci catapulta subito in un mondo diverso da quello natio della protagonista e con molte incognite all'orizzonte. Ma agli occhi delle due ragazze si parerà davanti un viaggio che gli mostrerà le bellezze e le stranezze di quel mondo tanto diverso dal loro. Un viaggio che svierà dalla storia principale per poi ritornarci solo nella parte finale, in cui in poche scene verrà a galla il problema e la sua soluzione. Lo spettatore verrà sbalordito più dai colori e dalle animazioni che essere coinvolto nella storia, affascinato da una regia che sembra porre al centro più la spettacolarizzazione degli scenari che i personaggi, su una storia apparentemente lineare e con pochi risvolti. La stessa attenzione sulla protagonista risulta incostante.

Direzione artistica, design dei personaggi, sfondi e animazioni sono di alto livello, con realizzazioni impeccabili. Un buona produzione che mette in campo sia animazioni nel classico stile bidimensionale e animazioni in computer grafica perfettamente integrate alle prime. Un risultato molto soddisfacente che è un vestito più che calzante per portare su schermo tutta la fantasia dell'autore. Ma un maggiore coinvolgimento della storia e dei personaggi con l'aspetto visuale avrebbe potuto elevare il titolo a ben più ampie platee. In definitiva ci si trova di fronte quasi due ore di intrattenimento che coinvolgono appieno un pubblico giovane e poco meno uno più adulto, alla ricerca di una storia più più intrigante.







CONDIVIDI
NOTIZIE CORRELATE

La Casa Abbandonata sul Promontorio è il nuovo anime di David Prod.
Annunciati i lungometraggi In Concorso ad Annecy 2019
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2021 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net