CENERENTOLA E GLI 007 NANI
(Happily N'Ever After - 2006)
(lungometraggio d'animazione)

Regia di: Paul Bolger e Yvette Kaplan
Sceneggiatura di: Robert Moreland e Douglas Langdale

Prodotto da: John H. Williams
Produzione: BFC Berliner Film Companie e Vanguard Films
Realizzazione: BAF Berlin Animation Film e Vanguard Animation
Distribuzione: DNC Entertainment

USCITA ITALIANA: 7 Marzo 2008

L'accoppiata Vanguard e Berlin Film Animation mettono in campo il neo regista Paul Bolger, animatore con esperienza su numerose pellicole realizzate nel vecchio continente, e la più rodata Yvette Kaplan, una dei registi della serie "Beavis and Butt-Head" e di altre realizzazioni seriali, a dirigere il secondo full-leight del neo studio d'animazione CGI creato da John H. Williams, produttore di "Shrek". Un grosso guaio nel paese delle favole crea scompiglio tra gli ignari abitanti e mettre in discussione niente meno che il proverbiale "..e vissero felici e contenti", ma questo è solo l'inizio.

In tutto il regno ognuno conduce la sua serena esistenza, Cenerentola, Raperonzolo, Bella Addormentata e principi azzurri vari compresi. La salvaguardia di tale momenti idilliaci è sotto la supervisione del saggio Mago, la sola ed unica persona responsabile dell'equilibrio tra il Bene e il Male. Ma questo non fa in tempo a concedersi un momenti di relax che a creare scompiglio ci pensano i suoi assistenti buoni a nulla Munk e Mambo. E ad approfittare della situazione, subito pronta dietro l'angolo, c'è la cattiva matrigna Frieda che arriverà ad impossessarsi dell'ambita bacchetta magica durante il classico ballo a corte, con l'unico obiettivo di conquistare il Paese delle Favole. Così ad intervenire prima del catastrofico "..mai più felici e contenti.." (titolo originale dell'opera) ci penseranno un team male assortito composto da Cenerentola, Nani agenti segreti, Principi Azzurri e meno noti sguatteri: in pratica avventura, azione e sentimenti vari subito pronti dietro l'angolo.

Il team creato da John H. Williams e soci mette le mani su una storia che suona molto in stile Shrek, o meglio prende spunto dall'idea dello stravolgimento delle classiche storie dei fratelli Grimm così come tutti le conosciamo. Tra l'altro la realizzazione in chiave tridimensionale si deve proprio a quest'ultimo, infatti in pre-produzione si era previsto l'uso di animazioni tradizionali per portare sullo schermo questa storia. La stesura dunque prevede di far presa su un largo pubblico, dai più giovani fin agli adulti; un buon mix di azione e gags con un occhio in particolare sulla mimica dei personaggi e il non trascurabile particolare dell'alto numero di personaggi, umani e non, che compaiono sullo schermo presi dalle più classiche favole che hanno condito l'infanzia di numerose generazioni.

I registi piazzano camere ad inquadrare ogni scena cercando di non lasciare particolari fuori dallo schermo e, soprattutto, i numerosi personaggi che spesso si troveranno insieme tutti nello stesso momento. Un lavoro di routine che lascia grande spazio alla mimica dei personaggi invece di puntare su movimenti di camera più complicati. Lo script ha un ottimo spunto, almeno nella concezione della storia, ma le scene sono quasi piatte, senza momenti degni di nota. Una sceneggiatura che scorre fin troppo tranquilla fino alla fine, senza riuscire a suscitare particolari emozioni nello spettatore.

La parte visiva mostra un buon comparto realizzativo. Un team che ha saputo certamente essere all'altezza delle direttive della produzione, ovvero linee nette, un design volutamente vicino alle bozze bidimensionali, un alto caricaturismo, trame di colore quasi piatti e pochi particolari degni di nota. Tutto, dai modelli organici alle scenografie, è realizzato con pochissimi poligoni e textures mai eccessivamente complesse. Scelte queste certamente opinabili. Gli animatori invece hanno fatto un buon lavoro, non eccessivo, ma in grado di dare delle buone movenze ai personaggi. Anche quì si nota la voglia di essere più vicino alle animazioni bidimensionali più classiche, con quei movimenti quasi scattanti, come se qualche frame saltasse di proposito.

La produzione ha realizzato il lungometraggio secondo gli standard e le pipelines produttive dei grandi studios americani, ma con tempi e budget molto più ridotti. Questo ha certamente influito sulla riuscita e sugli incassi mondiali della pellicola, non eccezionali. La versione originale della pellicola vede un cast di doppiatori veramente d'eccezione. Sigourney Weaver, Sarah Michelle Gellar, Freddie Prinze Jr., Andy Dick, Wallace Shawn e molti altri. Il distributore DNC invece si affida al grande Luca Ward e altri doppiatori professionisti diretti da Connie Bismuno.
La pellicola è uscita negli States il 5 Gennaio 2007 e nei mesi successivi in tutta Europa. L'uscita italiana è fissata per il 7 Marzo 2008.





SOCIAL
ADV
EXTRA
Regole sulla licenza dei testi
Animation Italy
Dot Animation Magazine
Crediti - Contatti - RSS - Privacy
SOCIAL: Twitter - Flipboard - Facebook
Marchi, titoli e immagini appartengono ai rispettivi proprietari
Testi e altro © 2004 - 2019 Dot Animation Magazine
www.animeita.net | www.animationworld.net